Storia 3 - Santagatainfo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia 3

Storia
Antiche fonti storiche
Dal “ Chronicon Amalfitanum”, indubbia fonte cronachistica, veniamo a conoscenza dell’esistenza di Sant’Agata all’epoca di Roberto il Guiscardo, Dal “ Chronicon Amalfitanum”, indubbia fonte cronachistica, veniamo a conoscenza dell’esistenza di Sant’Agata all’epoca di 
Roberto il Guiscardo, cioè nel 1075, che ci conferma una tradizione storica millenaria della vetusta cittadina Si riporta integralmente:

 
 
 
 Artemisia tra storia e leggenda

Vari studiosi hanno da tempo azzardato ipotesi sulle origini di Sant'Agata d'Esaro da Artemisia mitica città greca scomparsa, che 
risalirebbero agli inizi e all'espansione di Sibari (710-511 a.C.) che si serviva del fiume Esaro per i suoi trasporti verso l'interno 
e verso il Tirreno. Nei dintorni di San Sosti, di fronte al Pettoruto, in località Casilini della Porta, sono visibili i resti di quella che 
è ritenuta (a torto o ragione) l'antica Artemisia. I ruderi e i resti di edifici testimoniano che in questo posto in passato sorgesse
 la città. Ad avvalorare questa ipotesi concorre il ritrovamento di una scure votiva offerta al tempio, prodotta tra il V e il IV secolo
 a.C., di un mortaio in bronzo, alcune monete ecc.

 

 Ascia votiva dedicata ad Hera Lacinia rinvenuta nei ruderi di Artemisia e conservata al British Museum di Londra

 
Torna ai contenuti | Torna al menu